Ricette secondi piatti - Pesce

Baccalà dolce-forte

Ingredienti:
500 gr baccalà
farina
aglio
olio
pepe
aceto forte
zucchero
pinoli
uva passolina

Preparazione della ricetta "Baccalà dolce-forte":
Tagliate il baccalà a pezzi larghi quanto la palma della mano e infarinatelo bene. Poi mettete un tegame o una teglia al fuoco con parecchio olio e poco aglio interi, ma un po' stiacciati. Quando sarà rosolato da ambe le parti, versateci su il dolce-forte, fatelo bollire ancora un poco e servitelo caldo.
Il dolce-forte o l'agro-dolce, se così vi piace chiamarlo, preparatelo avanti in un bicchiere, e se il baccalà fosse grammi 500 all'incirca, basteranno un dito di aceto forte, due dita di acqua, zucchero a sufficienza, pinoli e uva passolina in proporzione. Prima di versarlo sul baccalà non è male il farlo alquanto bollire a parte. Se vi vien bene sentirete che nel suo genere sarà gradito.

Note: Il baccalà appartiene alla famiglia delle Gadidee il cui tipo è il merluzzo. Le specie più comuni de' nostri mari sono il Gadus minutus e il Merlucius esculentus, o nasello, pesce alquanto insipido, ma di facile digestione per la leggerezza delle sue carni, e indicato ai convalescenti, specialmente se lesso e condito con olio e agro di limone.
Il genere Gadus morrhua è il merluzzo delle regioni artiche ed antartiche il quale, dalla diversa maniera di acconciarlo, prende il nome di baccalà o stoccafisso e, come ognun sa, è dal fegato di questo pesce che si estrae l'olio usato in medicina. La pesca del medesimo si fa all'amo e un solo uomo ne prende in un giorno fino a 500, ed è forse il più fecondo tra i pesci, essendosi in un solo individuo contate nove milioni di uova.
In commercio si conoscono più comunemente due qualità di baccalari, Gaspy e Labrador. La prima proveniente dalla Gaspesia, ossia dai Banchi di Terra Nuova (ove sì pescano ogni anno più di 100 milioni di chilogrammi di merluzzi), è secca, tigliosa e regge molto alla macerazione; la seconda, che si pesca sulle coste del Labrador, forse a motivo di un pascolo più copioso, essendo grassa e tenera, rammollisce con facilità ed è assai migliore al gusto.
Il baccalà di Firenze gode buona reputazione e si può dir meritata perché si sa macerar bene, nettandolo spesso con un granatino di scopa, e perché essendo Labrador di prima qualità, quello che preferibilmente vi si consuma, grasso di sua natura, è anche tenero, tenuto conto della fibra tigliosa di questo pesce non confacente agli stomachi deboli; per ciò io non l'ho potuto mai digerire. Questo salume supplisce su quel mercato, nei giorni magri, con molto vantaggio il pesce, che è insufficiente al consumo, caro di prezzo e spesso non fresco.
Autore:
Altre ricette con... baccalà 

Filetti di pesce allo zafferano
Filetti di pesce allo zafferano
(Secondi Piatti, Pesce)
Cuocete il merluzzo nella pentola a vapore. Nel frattempo tritate lo scalogno con i capperi, versateli in una padella ...

Calamaretti scottati su crema di piselli e  pompelmi
Calamaretti scottati su crema di piselli e pompelmi
(Secondi piatti, Pesce)
Dopo aver bollito i piselli in acqua salata, scolarli e frullarli a caldo con olio, acqua, sale, pepe e il ciuffo di men ...

Fish and Chips
Fish and Chips
(Secondi piatti, Pesce)
Prepariamo la pastella: In una ciotola sciogliete mescolando il lievito di birra nel latte tiepido; lasciatelo fermo p ...

Gratin di pesce
Gratin di pesce
(Secondi Piatti, Pesce)
Lavare bene le bietole, poi metterle in una casseruola con la sola acqua rimasta aderente dal lavaggio e una presa abbon ...

Pesce spada con olive e zucchine
Pesce spada con olive e zucchine
(Secondi piatti, Pesce)
Tagliare a cubi il pesce spada, passarlo all’olio poi nelle olive tritate, chiudere con le zucchine precedentemente scot ...


Seguici su:seguici su facebookseguici su goole plusseguici su pinterest

TROVA LA RICETTA



Ultime ricette inserite Ultime ricette inserite



Gli Speciali ricette...



Fai conoscere le tue ricetteFAI CONOSCERE LE TUE RICETTE
Suggerisci una ricetta...



Italian recipes in english!