Ricette secondi piatti - Pesce

Baccalà in salsa bianca

Ingredienti:
400 gr baccalà ammollito
70 gr burro
30 gr farina
150 gr patata
3 e mezzo dl latte
prezzemolo
noce moscata
uova sode, facoltative


Preparazione della ricetta "Baccalà in salsa bianca":
Lessate il baccalà e nettatelo dalla pelle, dalle lische e dalla spina. Lessate anche la patata e tagliatela a tocchetti. Fate una balsamella col latte e la farina e quando è cotta uniteci un poco di prezzemolo tritato, datele l'odore della noce moscata, versateci dentro la patata e salatela. Poi aggiungete il baccalà a pezzi, mescolate e dopo un poco di riposo servitelo che piacerà e sarà lodato. Se non si tratta di forti mangiatori potrà bastare per quattro persone. Per adornarlo un poco potreste contornarlo con degli spicchi di uova sode.

Note: Il baccalà appartiene alla famiglia delle Gadidee il cui tipo è il merluzzo. Le specie più comuni de' nostri mari sono il Gadus minutus e il Merlucius esculentus, o nasello, pesce alquanto insipido, ma di facile digestione per la leggerezza delle sue carni, e indicato ai convalescenti, specialmente se lesso e condito con olio e agro di limone.
Il genere Gadus morrhua è il merluzzo delle regioni artiche ed antartiche il quale, dalla diversa maniera di acconciarlo, prende il nome di baccalà o stoccafisso e, come ognun sa, è dal fegato di questo pesce che si estrae l'olio usato in medicina. La pesca del medesimo si fa all'amo e un solo uomo ne prende in un giorno fino a 500, ed è forse il più fecondo tra i pesci, essendosi in un solo individuo contate nove milioni di uova.
In commercio si conoscono più comunemente due qualità di baccalari, Gaspy e Labrador. La prima proveniente dalla Gaspesia, ossia dai Banchi di Terra Nuova (ove sì pescano ogni anno più di 100 milioni di chilogrammi di merluzzi), è secca, tigliosa e regge molto alla macerazione; la seconda, che si pesca sulle coste del Labrador, forse a motivo di un pascolo più copioso, essendo grassa e tenera, rammollisce con facilità ed è assai migliore al gusto.
Il baccalà di Firenze gode buona reputazione e si può dir meritata perché si sa macerar bene, nettandolo spesso con un granatino di scopa, e perché essendo Labrador di prima qualità, quello che preferibilmente vi si consuma, grasso di sua natura, è anche tenero, tenuto conto della fibra tigliosa di questo pesce non confacente agli stomachi deboli; per ciò io non l'ho potuto mai digerire. Questo salume supplisce su quel mercato, nei giorni magri, con molto vantaggio il pesce, che è insufficiente al consumo, caro di prezzo e spesso non fresco.
Autore:
Altre ricette con... baccalà 

Sarde a beccafico
Sarde a beccafico
(Secondi Piatti, Pesce)
Come procedo: Faccio attenzione che le sardine si asciughino bene e le metto in un piatto con l’olio d’oliva ben versato ...

Salmone in crosta al dragoncello
Salmone in crosta al dragoncello
(Secondi piatti, Pesce)
Scaldare il forno a 200°C. Lessare per pochi minuti i gamberetti in acqua bollente poco salata; scolarli e togliere il ...

Orata al marsala su dadolata di patate
Orata al marsala su dadolata di patate
(Secondi Piatti, Pesce)
Lavate le patate, pelatele e tagliatele a dadini; tritate la cipolla. In una casseruola scaldate l’olio e fate soffri ...

Filetti di salmone in salsa di zenzero
Filetti di salmone in salsa di zenzero
(Secondi piatti, Pesce)
Sbucciare lo zenzero e tritarlo finemente. Mondare e tritare anche le cipolle e il dragoncello (tenere qualche foglia da ...

Calamari con senape e pepe rosa
Calamari con senape e pepe rosa
(Secondi piatti, Pesce)
Prendete una ciotola e mettete al suo interno l’olio d’oliva e la senape quindi montate il tutto utilizzando una frusta, ...


Seguici su:seguici su facebookseguici su goole plusseguici su pinterest

TROVA LA RICETTA



Ultime ricette inserite Ultime ricette inserite



Gli Speciali ricette...



Fai conoscere le tue ricetteFAI CONOSCERE LE TUE RICETTE
Suggerisci una ricetta...



Italian recipes in english!